L'intelligenza artificiale può sostituire un giudice? - Edizioni Anicia
L'intelligenza artificiale può sostituire un giudice?

L’intelligenza artificiale può sostituire un giudice?

18.00

Disponibile

Solo chi è capace di confrontarsi con la propria coscienza prima di assumere una qualsiasi decisione, è in grado di redigere una sentenza degna di questo nome, ovvero il frutto di un’operazione valutativa molto, molto più complessa di quella di cui è capace una “banale” intelligenza artificiale.

Disponibile

Descrizione

Solo chi ha sperimentato e vissuto la fatica dello studio (liceale, universitario e postuniversitario) prima e della fatica del decidere poi, solo chi, oltre ad aver letto gli atti di causa e ad aver consultato precedenti giurisprudenziali (come può certamente fare, ed anche meglio, una attenta e veloce AI), solo chi si è confrontato, alla luce del proprio bagaglio umano e professionale, con avvocati e colleghi in migliaia di discussioni in aula e in camera di consiglio, solo chi ha patito la “sofferenza del capire e del dubitare”, solo chi ha letto il volto, le voci, le posture e le espressioni di imputati, di parti in causa, di avvocati e di pubblici ministeri, solo chi ha odorato e percepito gli umori in un’aula di udienza, un corridoio di un tribunale, una caserma dei Carabinieri e un’aula penitenziaria, solo chi è capace di confrontarsi con la propria coscienza prima di assumere una qualsiasi decisione, è in grado di redigere una sentenza degna di questo nome, ovvero il frutto di un’operazione valutativa molto, molto più complessa di quella di cui è capace una “banale” intelligenza artificiale.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.15 kg
Dimensioni 13 × 21 cm
Formato:

Pagine:

Anno di pubblicazione:

Nessuna anteprima disponibile.

Titolo

Torna in cima