Gioco Attività motoria Disabilità

30.00

Disponibile

In questo saggio abbiamo preso in considerazione i principali contributi teorici sulle tre parole chiave: gioco, attività motoria, disabilità, cercando di inquadrarle in ambito sociologico, filosofico e pedagogico capaci di racchiuderne il significato stesso che direttamente o indirettamente coinvolge scienze, saperi, linguaggi, età, professioni.

Disponibile

Descrizione

In questo saggio, Gioco Attività motoria Disabilità, abbiamo preso in considerazione i principali contributi teorici sulle tre parole chiave: gioco, attività motoria, disabilità, cercando di inquadrarle in ambito sociologico, filosofico e pedagogico capaci di racchiuderne il significato stesso che direttamente o indirettamente coinvolge scienze, saperi, linguaggi, età, professioni. Una concezione olistica dell’attività ludica e motoria che preveda anche una teoria che incontri la pratica, fuse insieme, offrendo, suggerendo, a chi si prenderà cura della Persona nel lungo viaggio dell’educazione e della formazione, contenuti che lo possano aiutare, far riflettere, e perché no, anche mettere in crisi. Nell’insegnamento-apprendimento del III millennio deve imprescindibilmente essere trattato il medium del videogioco, soprattutto se pensiamo ai gruppi-classe delle generazioni Z e α: perché l’odierno “uditorio” è già pronto a recepire i forti messaggi traghettati da questo media intrinsecamente interattivo. Un capitolo fa riflettere sulla necessaria umiltà di apprendere, oggi più che mai, come educatori, docenti e “adulti”, il fenomenale strumento comunicazionale del videogioco in quanto il videogame è un linguaggio in grado di spiegare la complessità e migliorare il nostro domani, persino quello scolastico-istituzionale. Un viaggio inoltre, intorno, dentro l’animAzione quale scienza che deve appartenere allo stile di insegnamento del docente-educatore-facilitatore-animatore per incontrare, guidare, prendere per mano l’alunno motivandolo ed investendolo di autonomia e di buone pratiche interiorizzate con anima-azione dove il movimento, il fare diventano protagonisti, trasformando in animAttore riconosciuto docente e discente. In primo piano ci sarà l’attività motoria e la disabilità: un connubio perfetto in obiettivi, contenuti, finalità, di quella cultura della differenza e della diversità quale forma mentis non solo di professionisti della formazione e dell’educazione ma di Persone e di cittadini del mondo. Un testo ricco di fonti a documentare l’attualità dell’argomento nel rispetto però della storia che lo ha visto sempre protagonista: il gioco nasce con l’uomo, tenendo in considerazione anche la sua inevitabile evoluzione per cercare di arrivare alle giovani generazioni contribuendo alla loro crescita umana e professionale. Questo volume è stato pensato per futuri docenti dei diversi ordini e gradi di scuola, educatori e perché no, per colleghi che volessero ulteriormente ragionare su argomenti già studiati e su quelli ancora da studiare.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.9 kg
Dimensioni 17 × 24 cm
Formato:

Pagine:

Anno di pubblicazione:

Collana

Presentazione di:

Indice e Introduzione

Torna in cima