Collane

Collane

  • Novità

"Eravamo liberi in un paese devastato"

9788867095001

Il rientro in Italia dei reduci della seconda guerra mondiale costituisce un problema rilevante per la classe dirigente democratica, tanto sul piano politico quanto su quello sociale. Un processo che, tra linee di continuità e di rottura rispetto al passato, è animato da una profonda volontà di cambiamento, ma anche da opacità e contraddizioni che peseranno a lungo sugli sviluppi dell’Italia repubblicana.

Autore: Silvano Calvetto

21,00 €

 

 

 

Il rientro in Italia dei reduci della seconda guerra mondiale costituisce un problema rilevante per la classe dirigente democratica, tanto sul piano politico quanto su quello sociale. Per un verso, il timore di possibili rivendicazioni in quanto ex combattenti inibisce la possibilità di affrontare la questione in modo non conflittuale, così molti di loro, che hanno spesso lunghi anni di assenza alle spalle, finiscono per sentirsi estranei in un paese che non riconoscono e dal quale non si sentono riconosciuti. Per altro verso, la necessità del loro reinserimento sociale mediante il lavoro assume i contorni di un problema spesso drammatico, dovendo fare i conti con le devastazioni causate dalla guerra e con la pesante esperienza del fascismo alle spalle. Negli anni della ricostruzione, le politiche di formazione e assistenza ai reduci riflettono in modo significativo il dibattito che matura tra le forze dell’antifascismo, offrendo una chiave di lettura che può essere utile per interpretare il difficile percorso che il paese compie verso la democrazia. Un processo che, tra linee di continuità e di rottura rispetto al passato, è animato da una profonda volontà di cambiamento, ma anche da opacità e contraddizioni che peseranno a lungo sugli sviluppi dell’Italia repubblicana.

9788867095001

Scheda Dati

Altezza:
24 cm
Larghezza:
15 cm
Formato:
rilegato
Peso:
0,3 kg
Pagine:
184
Anno di pubblicazione:
2020

5 altri libri nella stessa categoria: