Collane

Collane

De Disciplina Scholarium

9788867093762

Il testo, senza tentare una soluzione definitiva dell’eterno problema dell’educazione, offre una testimonianza viva di un costume, di una prassi, ma soprattutto di un modo virile e lineare di considerare i valori, l’uomo, la complessità del rapporto educativo, la problematicità della compresenza di scientia e virtus.

A cura di: Edda Ducci

Presentazione di Cosimo Costa

21,00 €

  • Politiche per la sicurezza (modificale con il modulo "Rassicurazioni cliente") Politiche per la sicurezza (modificale con il modulo "Rassicurazioni cliente")
  • Politiche per le spedizioni (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente) Politiche per le spedizioni (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente)
  • Politiche per i resi merce (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente) Politiche per i resi merce (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente)

Usato durante il Medioevo come testo guida per l’insegnamento a giovani studenti, il De disciplina scholarium fu composto probabilmente tra gli anni ‘30 e ‘40 del XII secolo e falsamente attribuito a Boezio. Il testo, senza tentare una soluzione definitiva dell’eterno problema dell’educazione, offre una testimonianza viva di un costume, di una prassi, ma soprattutto di un modo virile e lineare di considerare i valori, l’uomo, la complessità del rapporto educativo, la problematicità della compresenza di scientia e virtus.

Edda Ducci curò il testo nel 1967 e lo presentò con il titolo Un saggio di pedagogia medievale. Il De disciplina scholarium dello Pseudo Boezio. Grazie ad una lunga introduzione e alla traduzione, ella ha il merito di aver posto nella giusta luce il problema della pedagogia medievale senza forzature né anacronismi, basandosi sul solido terreno dei testi e della documentazione. Il tema che guida lo spirito della traduttrice può enuclearsi intorno al concetto di disciplina-paideia, oltre che sul risalto del carattere fortemente umano, e spesso anche umanistico, del De disciplina scholarium. Ritornare oggi alla lettura di questo testo significa chiedersi come comunicare il vero e il bene. Ma anche, e soprattutto, in che misura il soggetto “debba modificarsi” per rendersi disponibile all’acquisizione del vero e del bene.

«Stolto è l’avere eccessiva fiducia negli insegnamenti del maestro. Da prima però è bene prestargli fede fintantoché si comprenda il suo punto di vista; in seguito bisogna fingere che egli abbia errato nell’insegnamento in modo che così si possa trovare qualcosa da contrapporre alla dottrina trasmessa» (Pseudo Boezio, De Disciplina scholarium).

9788867093762

Scheda Dati

Altezza:
24 cm
Larghezza:
15 cm
Formato:
rilegato
Peso:
0,4
Pagine:
176
Anno di pubblicazione:
2018
Presentazione di:
Cosimo Costa

5 altri libri nella stessa categoria: