Collane

Collane

Essame degl'ingegni

9788873465898

Nel trattato che qui si offre al lettore è disegnato un modello educativo in cui la coltivazione dei talenti individuali e dell’unicità della persona costituisce la premessa necessaria per la riuscita del soggetto e per il suo sviluppo sociale. Per questo Huarte costituisce la vera radice del pensiero pedagogico gesuita.

A cura di: Cristiano Casalini, Luana Salvarani

Presentazione: Francesco Mattei

25,00 €

  • Politiche per la sicurezza (modificale con il modulo "Rassicurazioni cliente") Politiche per la sicurezza (modificale con il modulo "Rassicurazioni cliente")
  • Politiche per le spedizioni (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente) Politiche per le spedizioni (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente)
  • Politiche per i resi merce (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente) Politiche per i resi merce (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente)

Juan Huarte de San Juan (1529-1588), medico spagnolo, è autore di una sola opera, questo Essame degli Ingegni. Egli attende da secoli il riconoscimento esplicito che merita e che lo pone tra gli illustri rappresentanti della storia della filosofia naturale e della pedagogia. Nel trattato che qui si offre al lettore è disegnato un modello educativo in cui la coltivazione dei talenti individuali e dell’unicità della persona costituisce la premessa necessaria per la riuscita del soggetto e per il suo sviluppo sociale. La presenza inaggirabile del corpo e la forza dei temperamenti ippocratico-galenici rappresentano qui il primo passo al di fuori e oltre l’ideale educativo umanistico: giacché si supera il concetto di armonioso equilibrio di tutte le facoltà intellettive e morali tramite la differenziazione e la specializzazione formativa, con l’obiettivo dichiarato di sviluppare (e non curare) l’eccezionalità dell’individuo. Per questo Huarte – nonostante l’impostazione materialistica che gli costò la condanna all’Indice, donec corrigatur – costituisce la vera radice del pensiero pedagogico gesuita. Il suo fondatore, Antonio Possevino, rispondendo criticamente nella Coltura degli ingegni a questo Essame huartiano, mostrerà i molti debiti culturali contratti con il medico spagnolo. Il modello huartiano rimarrà perciò un punto di riferimento di longue durée, talvolta esplicito, più spesso citato solo di passaggio o carsicamente operante: dalla Anatomia ingeniorum di Antonio Zara S.J. alla Sagesse di Charron, all’Anti-Goetze di Lessing (primo traduttore in tedesco dell’Essame), fino alle lontane propaggini schopenaueriane e a un recente riaffioramento nella linguistica genetica di Noam Chomsky. Perciò si propone qui il testo. E nella traduzione italiana di Camillo Camilli (1582). Che resta di grande pregio e di sicuro valore letterario.

9788873465898

Scheda Dati

Altezza:
24 cm
Larghezza:
15 cm
Formato:
brossura
Peso:
0,7 kg
Pagine:
336
Anno di pubblicazione:
2010
Presentazione di:
Francesco Mattei
Traduzione di:
Camillo Camilli (1582)

5 altri libri nella stessa categoria: