Collane

Collane

La pedagogia come scienza del corpo

9788873460312

Il corpo si presenta sulla scena culturale contemporanea come un “crocevia” di problemi che sono oggetto di studio e di indagine da parte di molte scienze. Come “scienza dell’uomo”, anche la pedagogia è chiamata a riflettere sul problema del corpo ed a cercare di rispondere agli interrogativi che esso suscita.

Autore:
Emanuele Isidori

10,33 €

  • Politiche per la sicurezza (modificale con il modulo "Rassicurazioni cliente") Politiche per la sicurezza (modificale con il modulo "Rassicurazioni cliente")
  • Politiche per le spedizioni (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente) Politiche per le spedizioni (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente)
  • Politiche per i resi merce (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente) Politiche per i resi merce (modificale con il modulo Rassicurazioni cliente)

Il corpo si presenta sulla scena culturale contemporanea come un “crocevia” di problemi che sono oggetto di studio e di indagine da parte di molte scienze. Come “scienza dell’uomo”, anche la pedagogia è chiamata a riflettere sul problema del corpo ed a cercare di rispondere agli interrogativi che esso suscita. La difficoltà del suo approccio, però, sta nel fatto che essa deve cercare di trovarvi una risposta in base ad una specifica epistemologia, che tenga conto della sua particolarità di scienza che ha per oggetto privilegiato - oltreché unico ed esclusivo - l’educazione. È allora possibile una “scienza pedagogica” del corpo? ed in che cosa l’eventuale “approccio” della pedagogia al corpo dovrebbe differire da quello delle altre scienze dell’uomo e della natura? Prendendo lo spunto ed approfondendo alcuni temi affrontati nel libro Le parole del corpo di Octavi Fullat, pubblicato presso queste edizioni e curato dallo stesso Emanuele Isidori, in questo saggio l’autore cerca di inquadrare dal punto di vista pedagogico il difficile problema del corpo, ricostruendone la complessa trama concettuale nell’educazione contemporanea. Il risultato della sua analisi pedagogica, però, non consiste solo nell’individuazione di alcune categorie che permetterebbero di teorizzare una pedagogia come “scienza del corpo”. Il saggio termina, infatti, con una conclusione che è in realtà una ipotesi inquietante: il corpo non costituirebbe una “fine” ed un “limite” per l’Homo educandus, ma il possibile inizio della scoperta di un ulteriore “senso” per la sua educazione.

9788873460312

Scheda Dati

Altezza:
21 cm
Larghezza:
14 cm
Formato:
brossura
Peso:
0,3 kg
Supporto multimediale:
nessuno
Pagine:
112
Anno di pubblicazione:
2002

5 altri libri nella stessa categoria: